in

Andrea Cossu, il primo cagliaritano della storia a giocare in Nazionale

Andrea Cossu - Photo by Sky Sport

Pane, amore e fantasia

Centosettanta centimetri di altezza, sessantasei chili di peso. Bastano e avanzano per scardinare le difese di mezza Serie A, salendo sul trono del miglior uomo assist nella stagione 2009/2010. Con la casacca del Cagliari impossibile non ricordarsi di Andre Cossu, pane, amore e fantasia che dal 2008 al 2011 incantò la platea del Sant’Elia.

Fonsarda e Curva Nord

Andrea Cossu nasce proprio a Cagliari il 3 maggio 1980, cresciuto nel quartiere Fonsarda ha una passione smisurata per il calcio, per il Cagliari in particolare. Le fede tramandata dallo zio, che all’età di otto anni lo porta a vedere per la prima volta il Cagliari al vecchio Stadio Amsicora. La squadra sarda, all’epoca allenata da un certo Claudio Ranieri ha la meglio sul Giarre e il piccolo Andrea si innamora subito di quella tifoseria, che abbraccerà in età adolescenziale andando a vedere le partite in Curva Nord.

Andrea Cossu - Photo by INews
Andrea Cossu – Photo by INews

Il prato del Sant’Elia

Prima di calcare il prato del Sant’Elia però Cossu si deve accontentare delle giovanili, per poi iniziare a viaggiare giocando praticamente ovunque: Olbia, Verona, Lumezzane, Sassari Torres, ancora Verona. Finalmente a metà della stagione 2007/2008 ecco la chiamata che Andrea aspettava da una vita. Il Cagliari si fa avanti e il fantasista torna a casa, per giocare per la squadra della sua città.

L’uomo assist dei record

In tanti lo ricordano nella squadra allenata da Davide Ballardini, che ricama per Andrea un ruolo su misura, alle spalle delle due punti, in quella zona di campo dove svariano i numeri 10 per antonomasia. Nel Cagliari di Massimiliano Allegri, il folletto sardo ha ormai acquisito maturità e consapevolezza, quattordici assist e il record dell’annata 2009/2010 ne furono la testimonianza tangibile.

 

Andrea Cossu - Photo by Sky Sport
Andrea Cossu – Photo by Sky Sport

Sogno o son desto

La consacrazione e l’apice della carriere di Andrea arriva il 28 Febbraio 2010, giorno da cerchiare ingrosso sul calendario di ogni cagliaritano. Il telefono di Cossu squilla e dall’altra parte della cornetta la voce inconfondibile di Marcello Lippi comunica che il giocatore sarà convocato in Nazionale. Un sogno. Cossu debutta con la maglia azzurra il 3 Marzo allo Stade Louis II di Montecarlo, dove l’Italia sfida il Camerun nell’ultimo test amichevole prima dei Mondiali del 2010.

La storia

Andrea è il primo cagliaritano doc della storia ad indossare la maglia azzurra. Cossu viene anche inserito nella rosa dei papabili che partecipano al ritiro pre-mondiale, ma poi viene escluso, anche se in un secondo momento ritorna in ritiro come ventiquattresimo uomo per l’infortunio di Mauro Camoranesi, che recupera in extremis. A due giorni dall’esordio mondiale degli azzurri Andrea ritorna a casa, con la consapevolezza di aver portato Cagliari e il Cagliari tanto in alto. Centosettanta centimetri di altezza che hanno fatto la storia.

 

 

What do you think?

Mark Molesley - Photo by Facebook.com

Folle intervista dell’allenatore dell’Aldershot che parla di cani giapponesi parlanti e pinguini

Manuel Rui Costa - Photo by calcioweb

Nostalgia di Manuel Rui Costa