in , ,

L’impresa del Portogallo a EURO 2016

Il grande giorno

Il 10 Luglio 2016 la Francia si veste a vesta e lo Stade de France di Saint-Denis ribolle come una pentola a pressione, esaurito in ogni ordine di posto. Giocarsi la finale dell’Europeo tra le mura amiche è sempre un’emozione particolare, il cuore batte a mille e le gambe tremano. Ma la Francia che ha tutti i favori del pronostico è sicura di poter portare a casa la pagnotta, sovrastare il Portogallo e regalare una nottata di festa alla nazione intera.

Esultanza della panchina del Portogallo – Photo by editori.cnn.com

Tre pareggi di fila

I lusitani, dal canto loro, devono scalare una montagna poiché i francesi sono la squadra da battere. Il cammino del Portogallo allenato da Fernando Santos è stato tutt’altro che semplice, infatti Cristiano Ronaldo e compagni hanno staccato il biglietto per gli Ottavi di Finale con ben tre pareggi di fila, maturati rispettivamente contro Islanda, Austria e Ungheria.

Il cammino verso la finale

Il Portogallo accede agli Ottavi con il ripescaggio, non entrando certo di diritto tra le pretendenti per la vittoria finale. E invece la truppa in rosso sbaraglia la concorrenza della Croazia vincendo nei supplementari, elimina la Polonia ai Quarti di Finale dopo la lotteria dei calci di rigore e prevale sul Galles in semifinale con un secco 2-0.

Cristiano Ronaldo

Come detto all’inizio della nostra storia la Francia è la favorita assoluta e dopo venticinque minuti il destino sembra dare un chiaro segnalo, Cristiano Ronaldo deve alzare bandiera bianca e abbandonare il campo causa un brutto infortunio. Lo scontro durissimo con l’avversario francese Payet costringe il numero 7 a guardare il resto della sfida n panchina.

Rui Patricio

La Francia si galvanizza e pigia il piede sull’acceleratore, Rui Patrício è una saracinesca e nega la gioia del gol ai francesi, che prima con Sissoko nella prima frazione e poi con Giroud nel secondo tempo, non riescono a superare il portiere lusitano.

Gignac

Il risultato rimane inchiodato sullo 0-0 ma proprio all’ultimo respiro Gignac sfiora la rete clamorosa, ma la sua conclusione si stampa sul palo facendo tremare lo stadio intero stampa sul palo.

Tempi supplementari

I tempi supplementari sono la logica conseguenza del pareggio che rimane inchiodato anche dopo il novantesimo. Francia che prova sempre a scardinare la difesa avversaria, Portogallo che prova a difendersi.

Minuto centonove

Minuto centonove, scolta del match. Joao Moutinho avanza sulla trequarti avversaria, palla servita a Éder che resiste ad una carica di un difensore avversario, si destreggia e si accentra portandosi la palla sul destro.

Come in una favola

Éder guarda la porta, prende la mira e lascia partire una conclusione non proprio irresistibile ma l’estremo difensore francese Hugo Lloris viene preso in contro tempo e si lascia beffare sul più bello. Palla che si infila nell’angolino e fa esplodere tutta la panchina portoghese.

Il gol decide il match regalando al Portogallo la prima storica vittoria di un Europeo.

Come in una favola.

What do you think?

La doppia faccia di Joao Mario: dall’Europeo 2016 alla Serie A

Dino Baggio, l’essenza del vecchio mediano pane, amore e fantasia