in ,

Il ricordo del Grande Torino

Grande Torino - Photo by These Football Times

Nonni e nipoti

 

Il Grande Torino è una squadra che lega grandi e piccini, perché anche quelli che non hanno mai visto giocare quella squadra meravigliosa, è come se la ricordassero attraverso le parole dei nonni che tramandano le vecchie storie ai nipoti.

 

Grande Torino – Photo by Toronew.net

 

4 Maggio 1949

 

Il 4 Maggio 1949 è una data triste, che ogni appassionato di football vorrebbe cancellare, se si potessero riportare indietro quelle maledette lancette e cambiare il corso degli eventi…purtroppo non è possibile. Quel maledettissimo giorno il Torino di Mazzola, Gabetto, Ossola e tanti altri straordinari campioni va incontro al baratro, senza neanche saperlo, in pochi secondi. Il cielo sopra Superga era minaccioso, grigio e tetro come non mai. L’aereo che riporta a casa i giocatori del Torino, reduci dalla trasferta di Lisbona, precipita nel vuoto schiantandosi proprio alle pendici della basilica. Una tragedia.

 

 

Resti

 

La pioggia fitta, fastidiosa tagliente cade non lasciando tregua, proprio come il dolore che squarcia in due il cuore. L’aereo, ridotto a una lamiera è un’immagine straziante che mai nessuno vorrebbe e dovrebbe poter vedere. Tra le valigie aperte, vestiti e fogli di carta si fa il contro delle trentuno le vittime.

 

 

Vittorio Pozzo

 

Per identificare le vittime si fa molta fatica ma il coraggioso Vittorio Pozzo, giornalista de La Stampa, ex commissario tecnico della Nazionale, si adopera per aiutare gli addetti ai lavori.

 

Grande Torino – Photo by Torinotoday.it

 

Il Grande Torino

 

Squadra meravigliosa, calciatori unici e uomini straordinari. Tra gli altri citati sopra, come non ricordare l’immenso Loik, oppure il mago Castigliano dava del tu anche alle monetine, che colpiva di tacco e si infilavano dritte nel taschino della giacca. Il valore della squadra va oltre i cinque scudetti e le grandi prestazioni sul campo ma per il valore umano di una squadra operaia, stimata e rispettata anche se soprattutto dalle squadre rivali.

 

 

Il ricordo

 

Il ricordo di quella maglia granata di lana rimane vivo nei pensieri e nella mente di tutti coloro che hanno visto dal vivo le imprese del Grande Torino e rimpiangono quegli anni in cui il calcio era di tutti. Chi non ha avuto la fortuna di ammirare da vicino le gesta di quella squadra, si commuove vedendo le vecchi foto sbiadite e impolverate. Il Grande Torino è immortale e lo sarà per sempre.

 

What do you think?

L’ultima Champions League del Chelsea: Juan Mata racconta Didier Drogba

Tra mito e leggenda: la storia del Craven Cottage