in

Razzismo nel derby, il comunicato dell’Atlético Madrid

Photo by Managing Madrid

Il derby di Madrid

L’ultima giornata della Liga spagnola ha riservato il derby di Madrid, vinto dal Real di Carlo Ancelotti che ha vinto 2-1 sul campo dei rivali cittadini. Partita purtroppo condizionata dalle intemperanze di alcuni tifosi di casa con insulti razzisti nei confronti di Vinicius.

Vinicius

I tifosi dei Colchoneros avevano mimato il verso della scimmia nei confronti di Vinicius in più di un’occasione, aprendo la caccia al colpevole con polizia e addetti ai lavori che in queste ore stanno esaminando i filmati delle telecamere.

Photo by Managing Madrid
Photo by Managing Madrid

Il razzismo

Nel frattempo l’Atlético Madrid condanna i cori e l’atteggiamento di una minoranza del tifo, come riportato in un comunicato: “Il razzismo è uno dei più grandi flagelli della nostra società e purtroppo il mondo del calcio e dei club non sono esenti dalla sua presenza. Il nostro club si è sempre caratterizzato per essere uno spazio aperto e inclusivo per tifosi di diverse nazionalità, culture, razze e ceti sociali e pochi non possono offuscare l’immagine di migliaia e migliaia di tifosi che sostengono la propria squadra con passione e nel rispetto del rivale”.

Rifiuto e indignazione

“Questi cori ci provocano un enorme rifiuto e indignazione e non permetteremo a nessun individuo di nascondersi dietro i nostri colori per pronunciare insulti razzisti o xenofobi. All’Atletico Madrid abbiamo tolleranza zero per il razzismo, il nostro impegno nella lotta contro questo flagello sociale è totale e non ci fermeremo finché non lo elimineremo. Per questo abbiamo contattato le autorità per offrire loro la massima collaborazione nell’indagine sugli eventi avvenuti fuori dallo stadio e chiedere l’identificazione delle persone che hanno partecipato al fine di procedere all’immediata espulsione di coloro che sono soci del club”.

La profonda riflessione

“Vogliamo inoltre invitare tutti i professionisti legati al mondo del calcio a fare una profonda riflessione. Facendo ancora una volta chiarezza sulla nostra più ferma condanna di questi eventi, che non hanno la minima giustificazione, riteniamo inammissibile quanto accaduto nei giorni precedenti il ​​derby. Ai fan viene richiesta sanità mentale e razionalità e, tuttavia, professionisti di diversi settori hanno generato una campagna artificiale durante la settimana, accendendo la miccia delle polemiche senza misurare l’impatto delle loro azioni e manifestazioni”.

Il dolore

Il dolore che la famiglia biancorossa prova per questo evento è enorme. Non possiamo permettere che qualcuno associ i nostri tifosi a questo tipo di comportamento e metta in discussione i nostri valori a causa di una minoranza che non ci rappresenta. La nostra decisione è ferma e clamorosa e non ci fermeremo finché non li espelleremo dalla famiglia biancorossa perché non possono farne parte“.

Cosa ne pensi?

Donnarumma: un problema nello spogliatoio

Kylian Mbappè - Photo by piane

I capricci di Mappe…e KFC minaccia la Federazione francese