in

Marcus Thuram ha fatto dimenticare Romelu Lukaku

Photo by RomaToday

Romelu Lukaku

Doveva in un certo senso essere la partita di Romelu Lukaku, grande ospite indesiderato con il Meazza pronto a fischiarlo a ogni tocco di palla, il belga di palloni però non ne ha toccati molti e la scena l’ha presa meritatamente Marcus Thuram, ironia della sorte proprio il successore dell’ex centravanti nerazzurro.

Attaccante completo

C’è chi a inizio stagione storceva il naso per l’arrivo del francese, arrivato all’ombra della Madonnina a parametro zero e con una media gol che non faceva impazzire critici e addetti ai lavori. In realtà sin dai primi passi Thuram ha dimostrato che in molti si sbagliavano. Qualità, progressione, gol e giocate di alta scuola, queste alcune delle caratteristiche che hanno fatto del numero 9 di Simone Inzaghi un attaccante completo, che segna sia in Serie A che in Champions League.

Photo by RomaToday
Photo by RomaToday

Gol decisivo

Il gol messo a segno ieri nella sfida contro la Roma vale oro, vale doppio, vale quanto un primato solitario in classifica. Il cross di Di Marco è un invito troppo ghiotto, Thuram non manca all’appuntamento con il pallone e mette dentro facendo impazzire lo stadio, che per 81 minuti ha aspettato di esultare e lasciarsi andare all’urlo liberatorio.

Il nuovo numero 9

Lautaro esulta insieme al suo compagno di reparto, San Siro è pazzo di gioia, mentre Lukaku osserva dall’altra parte del campo, forse ricordando che solo qualche mese fa c’era lui sotto quella curva a gioire insieme a quel popolo, che ora ha trovato il suo nuovo numero 9, Marcus Thuram.

What do you think?

Photo by Daily Sabah

Dall’Arabia Saudita ci provano anche per Kevin De Bruyne

Photo by Evening Standard

“Si avvicina la fine della carriera e non è una cosa semplice”