in

Malinovskyi: “Dovevo arrivare qui già ad agosto”

Photo by Corriere di Bergamo/Corriere della Sera

Ruslan Malinovskyi

Ruslan Malinovskyi è ufficialmente un nuovo giocatore dell’Olympique Marsiglia. L’ex giocatore dell’Atalanta è stato presentato in Francia.

Conferenza stampa

Il calciatore ucraino ha iniziato a prendere confidenza con la sala stampa del Velodromme e si è sottoposto all’intervista classica durante la presentazione.

Photo by Corriere di Bergamo/Corriere della Sera
Photo by Corriere di Bergamo/Corriere della Sera

Duttile

In Nazionale ho giocato a centrocampo, in Italia da trequartista. Posso giocare ovunque, dipende dall’allenatore, dalla squadra, da come pressi. Mi piace giocare in attacco. Marsiglia è una grande città, con una grande storia di calcio. È il più grande club francese e ha grandi tifosi. Sono qui per aiutare la società a raggiungere gli obiettivi. Conoscevo già la squadra perché in passato aveva affrontato club ucraini. Aveva grandi giocatori, come Ribéry e Drogba. Nella rosa attuale conosco Pau Lopez, Veretout e Ünder perché hanno giocato in Italia. Ho giocato contro Gigot in Belgio“.

Calcio dinamico

Conosco bene l’allenatore perché ha lavorato in Italia. Ho parlato con lui, mi piace il calcio dinamico, che destabilizza l’avversario. È un calcio che amo“.

Dovevo arrivare qui già ad agosto

L’offerta del Marsiglia era la più concreta, sapevo che avrei accettato. Non avevo dubbi. C’erano anche proposte dall’Inghilterra ma non erano concrete. Dovevo arrivare qui già ad agosto, ho seguito la squadra“.

Marsiglia

Tutte le squadre sono molto fisiche. Questo non mi spaventa perché è così anche in Italia. C’è bisogno di intensità. In Italia ho sempre dato tutto e fatto grandi cose. Venire qui è un grande passo nella mia carriera. Il Marsiglia vuole vincere trofei; con l’Atalanta giocavamo in Champions ma c’erano sempre l’Inter e la Juve da battere. Ho 29 anni, non sono ancora al top, posso ancora essere importante

Cosa ne pensi?

Robin van Persie - Photo by Ebonyst.com

Le orme di papà

Photo by Goal.com

Apoteosi Fulham, inferno Chelsea