in

Luciano Spalletti: “I ragazzi coinvolti erano distrutti”

Photo by Eurosport

L’Italia a Wembley

Domani l’Italia sarà di scena a Wembley per la sfida sempre affascinante contro l’Inghilterra. gli azzurri di Luciano Spalletti saranno di scena nel tempio del calcio londinese per giocare contro la nazionale di Gareth Southgate.

Quali sono le prime tre risposte che cerca da questa Nazionale? Può essere la gara di Scamacca?

Noi abbiamo fatto di tutto per avere delle risposte importanti, non c’è qualcosa di preciso se non giocare un calcio libero, un calcio fatto di fluidità e personalità, un calcio moderno come va fatto ora. Sì, questa può essere anche la partita di Scamacca“.

L’ha rivista la finale dell’Europeo? Quella gara può dare qualche spunto?

Quella finale lì come tutti ciò che amano il calcio ero lì a vederla, quella è stata una storia unica per chi l’ha vissuta e meritata. Sarebbe ingiusto fare dei paragoni, rimarrà unica. Vogliamo ispirarci a ciò che è successo in quella gara lì e magari farla diventare questa la nostra storia, facciamo sì che diventi la nostra identità. Faremo di tutto. Vogliamo andare al confronto con la realtà, non ci siamo riempiti la testa di pensieri spaventosi. La realtà ci dirà di che livello siamo“.

Per fermare una squadra che gioca col 4-2-3-1 è meglio giocare con la difesa a quattro o a tre?

Loro sono bravi a variare, da 4-2-3-1 a 4-3-3. Il segreto per ottenere un grande risultato non è mai una cosa sola, ma la somma delle cose che ti sei preparato. Oggi con Gravina ci si confrontava sul mettere a disposizione delle cose per restare in contatto anche durante la macro-sosta che c’è tra novembre e marzo, contatti di campo non solo telefonici. Non siamo venuti qui a giocare il calcio che ci capita, ma la partita che vogliamo“.

Passerà tutto dalla qualità che avrete in fase di possesso?

Sì, passa tutto da lì. Come criterio se noi riusciamo a tenere la palla più di loro abbiamo più possibilità di vincere la partita. Poi ci sono coloro che la pensano diversamente, che non vogliono dare spazio alle spalle della linea per giocare in campo aperto. Però per ciò che si vede oggi in un confronto europeo vince di più chi gioca tenendo palla. Questa è un’idea che mi trova d’accordo“.

Photo by Eurosport
Photo by Eurosport

Può far paura giocare qui per chi non ci ha mai giocato?

Il calcio è fatto di opportunità e probabilmente chi non crede in questo ha dei pensieri che non glielo fanno vedere. Qui davvero puoi valutare di che livello sei, sono le situazioni che dobbiamo amare. Noi amiamo e dobbiamo amare questi confronti qui, è questo a fare la differenza. Il confronto con la realtà ti dà sempre la dimensione di ciò che sei realmente e non dobbiamo sfuggire da questo confronto, altrimenti bisogna cambiare mestiere“.

Qual è la sua valutazione sulla forza attuale dell’Italia? I due giocatori tornati a casa hanno indebolito l’Italia? Prova rabbia nel non averli a disposizione?

Io non chiedo niente di più di ciò che ho a disposizione per questa partita. Quando si allena una Nazionale si ha la possibilità di prendere tutto ciò che vogliamo e l’Italia mette sempre a disposizione cose interessanti che permettono il confronto con chiunque. E’ chiaro che poi ci sono risultati che a volte non vanno come vorresti, ma rimane sempre una forza a disposizione che ci permette di giocare il calcio che vogliamo. Questa settimana ho visto grande attenzione, la testa sul pezzo. Ho visto grande ordine nell’andare a preparare la partita, sono molto fiducioso per ciò che sarà la nostra prestazione. In merito a questa disavventura che tutti abbiamo subito e ha colpito qualche giovane del nostro calcio è una cosa che ci dispiace, ci fa male. Erano giocatori forti, ma come già detto abbiamo l’obbligo di andare avanti, di tenere in considerazione se questi ragazzi avranno una reazione corretta a ciò che gli è successo e di conseguenza riportarli dentro perché sono giocatori forti. Ma non dipendiamo da loro come risultato che riusciremo a fare in partita“.

Qual è il tuo sentimento in merito a questi giocatori esclusi dal ritiro?

Sì è stato un trauma per la squadra, ci siamo ritrovati ad avere le autorità quasi dentro lo spogliatoio. Ci siamo rimasti un po’ male, sorpresi. Però abbiamo avuto una giornata intera da quando li abbiamo salutati e in molti siamo andati ad abbracciarli prima che tornassero ai loro club, alle loro abitazioni. I ragazzi coinvolti erano distrutti: quando poi un gruppo sta insieme e vive le partite come una Nazionale si creano sempre relazioni importanti. Le relazioni sono la seconda cosa che si porteranno dietro nella vita, oltre che i risultati. Penso che questo sia un vizio che può succedere tra i giovani, noi ci siamo impegnati nel dire a loro molte cose e continueremo a seguirli per dargli la possibilità attraverso delle notizie e delle conoscenze per quello che per loro è il divertimento più importante“.

Questa partita arriva al momento giusto o troppo presto? Cosa intendi chiedere a Gravina nella finestra tra novembre a marzo?

Accettando questo incarico qui non è che puoi entrare dentro e dire di non avere a disposizione tempo o cose. La sintesi corretta è quella di non allenare gli alibi, non vanno trovati degli alibi. Noi dobbiamo fare la partita e quello per cui ci siamo preparati, non si può entrare in campo spaventati per quello che è il colore della maglia, il nome della maglia che abbiamo davanti, lo stadio in cui giochiamo. Dobbiamo giocare a calcio. Con Gravina ci si confrontava sulla possibilità di avere dei luoghi per far capire ai ragazzi ciò che vogliamo andare a fare, ormai ci sono i video che sono un mezzo importante. Ora non è che possiamo andare a fare un allenamento di un’ora e mezza. Quindi se si mandano loro delle immagini poi verranno restituite sul campo. Oggi con Gravina si diceva se si riusciva a ritagliare un piccolo spazio, due piccoli spazi dove ritrovarci in questa pausa. Mi hanno consigliato di andarli a trovare nelle città dove giocano magari con piccoli gruppi con cui confrontarmi dopo gli allenamenti, per stare insieme un’oretta. Ma i video sono una cosa fondamentale per far vedere nuove teorie e nuovi orizzonti. Qualcuno dei docenti di Coverciano ha parlato anche di calcio relazionale, si vede spesso che alcuni giocatori con relazioni importanti non solo in campo poi fanno delle cose importanti“.

Qual è a tuo avviso il livello dell’Inghilterra?

Secondo me la nazionale inglese è a un livello top, di primissima qualità. Per cui bisognerà essere doppiamente bravi nell’essere una squadra compatta e al contempo fare delle scelte riconoscibili per tutta la squadra. Se andremo ad allungarci molto, se non riusciremo ad avere la nostra percentuale di possesso palla allora sarà sicuramente una gara difficile per noi. Sono un po’ curioso anche io di vedere quale sarà il nostro atteggiamento e il nostro comportamento contro una squadra di livello top“.

What do you think?

Ibra nelle dirigenza rossonera? Gerry Cardinale: “Abbiamo bisogno di più leader”

José Mourinho - Photo by Toronto Star

Mou: tra Roma e Arabia Saudita