in

Gattuso: “Abbiamo toccato il fondo”

Photo by Las Provincias

Valencia

Il Valencia di Gattuso perde ancora ed esce malamente dalla Copa del Rey. La sconfitta rimediata tra le mura di casa per 1-3 contro l’Athletic Bilbao, è stata mal digerita dal popolo del Mestalla, che a margine del triplice fischio non fatto mancare fischi esprimendo tutta la propria disapprovazione.

Crisi

Il Valencia è in crisi e al suo allenatore spetterà il compito arduo di mettere una toppa e cercare di riportare il sereno.

Gattuso

Gattuso, come sempre, non si è tirato indietro davanti ai microfoni e ha cercato di spiegare il momento difficile della squadra: “Chiedo scusa alle 45.000 persone che erano al Mestalla perché la percezione della squadra era pessima. Abbiamo giocato con la paura. Quando una squadra gioca così, devo scusarmi e prendermi tutta la colpa. Se si gioca così un quarto di Coppa, il primo responsabile sono io. La squadra era spaventata, bisogna analizzare bene cosa sta succedendo perché è difficile parlare dopo una partita così. Devo parlare con i giocatori per capire cosa sta succedendo e perché ci abbattiamo alle prime difficoltà

Calciomercato

Non cerco scuse. Nico si è infortunato e stiamo giocando con uno in meno e dobbiamo fare qualcosa a centrocampo. Sto aspettando da quattro settimane ma devo pensare a lavorare. La responsabilità è mia perché decido io chi gioca. È una questione di mentalità e paura“.

Cavani

È stata una partita in cui non siamo riusciti a controllare il gioco. Presto giocheremo un’altra finale contro il Valladolid e dovevamo dare energia all’attacco”.

Abbiamo toccato il fondo

Con la partita di oggi abbiamo toccato il fondo ed è normale che i tifosi si arrabbino L’Athletic ha meritato“.

Photo by Las Provincias
Photo by Las Provincias

Salvezza

La classifica non è buona ed è la verità. Non sono un mago, posso assicurare professionalità e niente di più. Posso lavorare 14 o 15 ore al giorno con il mio staff tecnico”.

Campionato

È facile dire che ci concentreremo sul campionato, ma avevamo la possibilità di giocare una finale. Era meglio giocare una semifinale

What do you think?

Photo by Bolavip Brasil

Felipe Melo e il figlio David compagni di squadra

Photo by Football Espana

Carlo Ancelotti: “Siamo fregati”