in

Fabio Cannavaro pronto ad allenare una grande squadra

Fabio Cannavaro - Photo by Mirror.co.uk

Il nuovo che avanza

Fabio Cannavaro non vede l’ora di allenare una big europea, ma anche se per il momento dovrà rimanere ancora in attesa, sente che il suo momento è vicino. L’ex difensore del Real Madrid e Capitano della Nazionale Campione del Mondo 2006, si è concesso in una intervista al Telegraph.

Fabio Cannavaro - Photo by Mirror.co.uk
Fabio Cannavaro – Photo by Mirror.co.uk

Everton

Fabio svela di essere stato vicinissimo a sedere sulla panchina dell’Everton: “Mi ha cercato l’Everton ma avevano Lampard.”

Frank Lampard - Photo by Everton Football Club official
Frank Lampard – Photo by Everton Football Club official

Watford

Ma Cannavaro svela anche un altro retroscena: “Poi mi ha cercato il Watford ma poi hanno preso Hodgson”.

Asia

Fabio Cannavaro non si nasconde: “Penso di essere pronto. Ho avuto ottimi lavori in Asia, ma i migliori club, i migliori allenatori sono in Europa e quindi se voglio essere uno dei migliori devo competere con loro

La fase dei colloqui

Ho incontrato il proprietario Farhad Moshiri ed è stato molto chiaro con me. Gli ho spiegato la mia filosofia, la mia strategia. Ma ovviamente è comprensibile quando hai l’opportunità di prendere Lampard che sta in Inghilterra, che conosce meglio di me, forse, la Premier League… A volte quando la gente pensa a me forse pensa che non conosco il campionato, che non ho esperienza in Europa ma è il calcio. Sono orgoglioso che Everton e Watford mi abbiano chiesto di fare un colloquio e lo apprezzo davvero”.

Fabio Cannavaro - Photo by ilnapolista
Fabio Cannavaro – Photo by ilnapolista

Questione di esperienza

“Con il Watford ho parlato prima che Roy Hodgson venisse nominato, ma avevano bisogno di un allenatore in fretta, e ovviamente lui è un allenatore con esperienza in Premier League, conosce i giocatori. So che non posso sbagliare ora. Devo scegliere il club giusto: Inghilterra, Italia, Spagna. Anche se è un piccolo club, non mi interessa perché voglio solo fare l’allenatore per condividere la mia esperienza”.

Roy Hodgson - Photo by Marca
Roy Hodgson – Photo by Marca

La leggenda che spaventa

Forse hanno paura di parlare con una leggenda. Come calciatore ho fatto grandi cose ma come allenatore è diverso. All’inizio il mio nome è importante ma devi essere intelligente. Devi toccare le corde giuste, come quando suoni il piano. Non importa chi sei se non sai come parlare con i tuoi musicisti, a volte devi essere padre, a volte un fratello, a volte un amico. Molti allenatori non si preoccupano della squadra fuori dal campo ma a me importa di tutto. Se la squadra è felice in campo e scontenta fuori allora forse non è un problema oggi ma lo sarà domani”.

What do you think?

Hartlepool United - Photo by The Northen Echo

La magia della FA Cup

Olivier Giroud - Photo by Eurosport

Quando calcio e cabala si incrociano: Olivier Giroud come Pippo Inzaghi