in

Con l’Inter scolpita nel cuore

Photo by facebook.com

10 Novembre 1997

Nato a Milano il 10 Novembre 1997, Federico Di Marco cresce all’ombra di San Siro con l’Inter scolpita nel cuore. Inizia a tirare calci ad un pallone nelle giovanili del club e come spesso capita a tanti coetanei, va a cercare fortuna altrove. Ascoli, Empoli, Sion, Parma: la lista è lunga. Il ritorno all’Inter non lo vede protagonista perché il terzino non ha un cognome altisonante, di quelli che infiammano il calciomercato.

Talento cristallino

L’esperienza al Verona però mette in luce un talento cristallino, un giocatore generoso che unisce quantità e qualità e corre fino al novantesimo, Di Marco ara la fascia come pochi e riesce a farsi sempre trovare pronto.

Il turno

L’Inter lo riprende, Federico aspetta pazientemente il suo turno, un po’ come si fa dal dottore. Il terzino nato e cresciuto con l’Inter scolpita nel cuore inizia a carburare, si prende qualche responsabilità e inizia a calciare le prime punizioni, poi si incarica dei tiri dalla bandierina e poco a poco si prende quello gli spetta, il posto da titolare su quella corsia.

Photo by facebook.com
Photo by facebook.com

Uomo ovunque

La doppietta di ieri sera è un connubio fantastico di genio e generosità. Di Marco è uomo ovunque. Un minuto prima difende, un minuto dopo attacca lo spazio, un minuto dopo imposta l’azione e chiede l’uno due per andare a far male alla difesa del Bologna.

L’omaggio

La doppietta d’autore fa stropicciare giochi ad un San Siro che lo omaggia, lo applaude e apprezza giocate e talento del ragazzo nato e cresciuto con l’Inter scolpita nel cuore.

Cosa ne pensi?

Photo by SPORT

Gerard Piqué chiude la sua carriera con un espulsione…dalla panchina

Photo by SPORT

Gerard Piquè: le reali motivazioni del ritiro